bergamotto.live

info@bergamotto.live
Il mio carrello
Vai ai contenuti

SCONTO DEL 10% FINO AL 15 LUGLIOSU BEVANDE E MARMELLATA

____________________________________________________________________________________________________________________________________________


Il bergamotto (Citrus bergamia) è un agrume dalla buccia di colore giallo derivato forse dal limone o dall'arancio amaro. Tra i botanici esistono ancora delle incertezze. È comunque molto probabile che il bergamotto sia una pianta autoctona della Calabria.

La coltivazione del bergamotto come piantagione intensiva avvenne sul litorale di Reggio Calabria nel Settecento. Nell'Ottocento è stata documentata la prima estrazione dell'olio essenziale di bergamotto, proprio in Calabria.
Nell' aspetto il frutto del bergamotto ricorda il pompelmo, ma è un po' più piccolo e ha un colore più intenso. Ancora oggi la coltivazione del bergamotto avviene in Calabria soprattutto nella fascia costiera. Il bergamotto è di stagione come frutto fresco a partire dal mese di ottobre-novembre fino a marzo.

ACQUISTA L'OLIO ESSENZIALE DI BERGAMOTTO SUL NOSTRO ESHOP

Utilizzi del bergamotto

Di per sé il bergamotto non ha un gusto molto gradevole quindi non viene consumato tanto come frutto fresco, quanto sotto forma di spremuta, magari in abbinamento ad altri frutti più dolci.

Il frutto del bergamotto si utilizza, dal punto di vista alimentare, soprattutto per la produzione di succhi di frutta e di confetture. Lo si può anche tagliare in spicchi per metterne una fettina nel tè, come si fa con il limone. Con il bergamotto si preparano anche i canditi.

Il succo di bergamotto ha un gusto amaro proprio come il frutto ma nello stesso tempo è considerato molto prezioso per via della sua ricchezza di polifenoli. Questo succo ha anche un elevato contenuto di acido citrico ed è stato spesso utilizzato proprio per produrre questa sostanza.

In realtà gli impieghi principali del bergamotto vanno oltre gli usi alimentari. Infatti il bergamotto viene utilizzato soprattutto per la produzione di oli essenziali. L'olio essenziale di bergamotto viene prodotto dalla buccia di questo frutto ma anche dai rametti, dalle foglie e dai fiori di questa pianta.

L'olio essenziale di bergamotto viene utilizzato soprattutto in profumeria per via del suo aroma. Da notare è la produzione del Bergamotto di Reggio Calabria, che è un olio essenziale ottenuto dal bergamotto a Denominazione di origine protetta. L'olio essenziale di bergamotto più puro è prodotto dalle bucce di questo frutto e rappresenta un componente essenziale dell' acqua di Colonia.

Proprietà e benefici del bergamotto

Il bergamotto è un frutto ricco di vitamine. Contiene vitamina A, vitamina C e vitamine del gruppo B ed è una fonte importante di flavonoidi. Gli studi condotti dai ricercatori dell'Università di Tor Vergata hanno messo in evidenza le proprietà e i benefici del bergamotto e del succo di bergamotto, una delle preparazioni a base di questo frutto più utilizzate a livello alimentare, insieme alle confetture.

Gli esperti hanno somministrato a volontari sani di età compresa tra i 18 e i 65 anni 250 ml di succo di bergamotto e mela per 15 giorni. Hanno così osservato che assumere succo di bergamotto e mela accompagnato da uno stile di vita sano e da una dieta adeguata ha portato a una riduzione del 21% del rischio cardiovascolare. Si è trattato di uno studio sperimentale prospettico che potrebbe trovare nuove conferme in futuro.

I benefici del succo di bergamotto sono legati alla straordinaria ricchezza di polifenoli di questo frutto, delle sostanze antiossidanti che aiutano il nostro organismo a rimanere in forma e in salute. La somministrazione del bergamotto sotto forma di succo o spremuta avviene proprio per usi terapeutici.

Il bergamotto e il suo succo hanno proprietà energizzanti e tonificanti. In particolare il succo di bergamotto contiene dei principi attivi che aiutano a ridurre il colesterolo. Se vi sono stati prescritti dei farmaci per abbassare il colesterolo, prima di pensare di poter utilizzare il succo di bergamotto per sostituirli, consultate il vostro medico di fiducia per capire se il succo di bergamotto potrebbe esservi d'aiuto come rimedio naturale.

1. Previene malattie cardiovascolari
Il bergamotto è un valido alleato per la salute del cuore: viene, infatti, impiegato per tenere sotto controllo il colesterolo alto ed è in grado di prevenire malattie cardiovascolari, come infarto, ictus e arteriosclerosi. Non va utilizzato in caso di glaucoma, asma bronchiale e bradicardia.
2. Combatte la depressione e l'ansia
L'aroma di bergamotto è, inoltre, molto utile per combattere ansia e depressione: per questa ragione è, infatti, utilizzato in aromaterapia. Come fare? È possibile effettuare suffumigi, utilizzando alcune gocce di olio essenziale di bergamotto dall'azione calmante.
3. Contrasta l'invecchiamento
L'essenza di bergamotto contiene, poi, vitamina C, proteine, fibre alimentari, sali minerali  come sodio, calcio, potassio e magnesio aminoacidi e un alto numero di antiossidanti, tra cui flavonoidi: per questo motivo, il bergamotto rallenta l'invecchiamento e combatte i radicali liberi.
4. Vanta proprietà antibatteriche e antinfiammatorie
Il bergamotto è un ottimo alleato per le vie respiratorie: vanta, infatti, delle proprietà antibatteriche e antinfiammatorie utili per la salute dell'organismo e per il benessere delle vie respiratorie.
5. Disinfetta e cicatrizza
L'olio essenziale di bergamotto può essere utilizzato anche come disinfettante e cicatrizzante: può, infatti, essere applicato sulla pelle per cicatrizzare piccole ferite, ma anche per combattere micosi alle unghie.
6. È alleato dei capelli
Questo prezioso frutto sembra, inoltre, sia particolarmente indicato contro la forfora, per cui esistono diversi rimedi naturali efficaci, e la caduta dei capelli.
7. Sconfigge l'alitosi
Il bergamotto sembra sia indicato anche per sconfiggere l'alitosi. Come fare? Versate 4-5 gocce di olio essenziale in un bicchiere d'acqua per fare dei gargarismi, almeno due volte al giorno. Infine, sebbene non abbia controindicazioni particolari, quando associato ad altri farmaci, è opportuno chiedere il parere del proprio medico curante.

≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈
"Bergamotto : non solo fragranze ma anche Nutraceutico"
Tutti conoscono il suo ruolo fondamentale nella storia della profumeria, dove continua ad essere un protagonista, pochi sono a conoscenza del suo uso in cucina ma soprattutto delle sue virtù terapeutiche. Sin dalla sua introduzione del bergamotto in Europa il suo olio essenziale fu inizialmente usato nella medicina popolare e poi ufficiale. Secondo Fluckiger e Hambury (1878), l'olio di bergamotto era incluso in un elenco (stampato nel 1688) di medicinali disponibili in una farmacia nella piccola città tedesca di Giessen.
In Calabria, dove si concentra il 95% della produzione globale, e dove le prime tracce documentate di una piantagione risalgono a fine '700, il bergamotto veniva ampiamente utilizzato come cicatrizzante, nel trattamento di ustioni o vene varicose, come microbicida, analgesico, antipiretico, antiflogistico, per alleviare il mal di denti  e nel trattamento di foruncolosi. Nella seconda metà del XVIII secolo, l'olio volatile veniva aggiunto in gocce nel tè come antimalarico e usato per trattare la scabbia, usato come sedativo o somministrato in gocce su una zolletta di zucchero contro l'insonnia.
Nel 1805 un un giovane medico calabrese di nome Francesco Calabrò pubblicò il risultato delle sue osservazioni sugli effetti dell'essenza di bergamotto, che erano stati oggetto della sua tesi di laurea  presso l'università di Pavia (1804), nel libro Della Balsamica virtù dell'essenza di bergamotta nelle ferite. Calabrò notò che le donne calabresi che lavoravano le bucce del bergamotto utilizzavano coltelli affilati per la pelatura, che molto spesso provocavano dei piccoli tagli relativamente gravi ma non presentavano suppurazione delle lesioni, e avevano un tempo di cicatrizzazione molto ridotto, merito delle virtù medicamentose dell'essenza di bergamotto. Ma l'effetto cicatrizzante non è che uno delle tante virtù di questo prezioso agrume.
Nei trattati Farmacologia del secolo scorso troviamo tutta una serie di usi dell'olio di bergamotto. E' stato utilizzato in farmacia per migliorare l'odore di unguenti medicinali, per preparare paste dentifricie, oli per capelli e prodotti cosmetici. In medicina veniva usato da solo o in una soluzione alcolica o in altri preparati da massaggiare in casi di  reumatismi, paralisi e debolezza degli arti, o tenicida per uso interno. Fu oggetto di studio e usato da molti dottori; nel 1932 il chirurgo Antonino Spinelli, primario degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria  fornì dimostrazione in vitro e in vivo che il bergamotto poteva costituire un nuovo antisettico in chirurgia dalla spiccata azione battericida, contro tutti i batteri presenti sia sulla superficie cutanea che nello spessore del derma. Tesi avvalorata nel 1933 dal professore Fulvio Pulcher, dell'Istituto d'Igiene dell'Università di Genova,  le cui ricerche su emulsioni saponose all'essenza di bergamotto, lo portarono a concludere che l'agrume possedesse un'azione battericidaotto volte superiore a quella del fenolo, all'epoca usato nella disinfezione di sale operatorie, attrezzi chirurgici, mani e camici dei sanitari.
Giuseppe Sanarelli, Senatore, professore d'Igiene a Siena, Bologna e Roma dove diresse l'istituto di Batteriologia, in una memoria del 1936, riporta i risultati di studi eseguiti su una soluzione acquosa di bergamotto e ne dimostrò l'azione battericida sui bacilli del tifo, della difterite, sugli stafilococchi piogeni e sui vibrioni del colera. Nel 1940 il Tenente Colonnello medico, Dott Maimone  prova sui soldati affetti da scabbia una soluzione saponosa che guarisce i pazienti trattati dopo 3-4 giorni di trattamento.
Diversi prodotti a base di essenza di bergamotto sono stati usati in medicina e negli ospedali fino all'inizio degli anni 70, quando fu scoperta la sua azione fotosensibilizzante e fu messo al bando. Fino ad arrivare agli ultimi anni quando si è risvegliato l'interesse per questo agrume dalle qualità eccezionali ed è diventato oggetto di studio di team di ricercatori universitari.  Le ultime novità che coinvolgono il bergamotto in campo medicale sono legate a una serie di studi; quelli condotti dal team del prof. Vincenzo Mollace dell'Università della Calabria, che hanno evidenziato le proprietà salutari dell'estratto di bergamotto efficace nel ridurre i livelli colesterolo trigliceridi e la glicemia.
Poi c'è stato lo studio di un team di ricercatori dell'Università Magna Grecia di Catanzaro, i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal of Functional Foods, che sottolinea la peculiaretà del bergamotto di contrastare l'azione dannosa di alcune proteine ritenute essere causa di malattie cardiache. I ricercatori hanno  dimostrano come il bergamotto ha effetti simili a quelli delle statine, dei farmaci usati nel controllare il colesterolo, senza tuttavia i loro effetti collaterali. Recenti ricerche ne hanno evidenziato sia la capacità antivirale che quella antifungina mettendo in risalto l'attività contro 51 ceppi del genere candida.

                                  
 
SEGUICI SU FACEBOOK >>>
Privacy Policy
BRANCAGROUP S.R.L.
Via Asparella Cannavo' 48 A - 89132 - Reggio Calabria
C.F. e P. IVA 03031250800
CCIAA di Reggio Calabria n°. REA 205620
Cap. Sociale € 10.000,00
BRANCAGROUP S.R.L.
Via Asparella Cannavo' 48 A - 89132 - Reggio Calabria
C.F. e P. IVA 03031250800
CCIAA di Reggio Calabria n°. REA 205620
Cap. Sociale € 10.000,00
Torna ai contenuti